fbpx
Search
Generic filters
Search
Generic filters
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

San Valentino per uno, per due.

San Valentino per me è un’occasione un po’ diversa. Trovandomi da più anni in una relazione a metà tra due culture opposte, sulle festività abbiamo compiuto una scelta. Se il Natale lo festeggiamo all’europea (a parte quest’anno, leggi post: un Natale tutto mio), il San Valentino lo facciamo alla giapponese. In terra Nipponica, il 14 Febbraio sono le ragazze che regalano cioccolato o dolcetti fatti in casa ai ragazzi, questi ultimi invece dovranno ricambiare in altra data. Esattamente un mese dopo, nel giorno chiamato white day. Ma non è finita, il regalo dei ragazzi dovrà superare del doppio o triplo (o di più) il regalo ricevuto. Ad esempio, il primo anno, siccome ci frequentavamo da non più di una settimana, io regalai al Giapponese bello un lecca-lecca rosa a forma di cuore (leggeteci pure tutti i significati reconditi che vi pare, non siamo più alle medie), e per il white day, ricevetti una scatola di cioccolatini Godiva da 36 pezzi che superava di gran lunga il mio lecca-lecca da£1.50 (Sì, eravamo a Londra all’epoca).

C’è da dire un’altra cosa, essendo una che per gran parte della sua vita ha passato il giorno di San Valentino, non ho mai dato un gran peso a questa ricorrenza, anzi l’ho sempre considerata parecchio stupida. Però, gli anni passano e un po’ ci si ammorbidisce e addolcisce e anche quest’anno eccomi qui a pensare: “che cosa gli regalo?” Che cosa gli regalo che non sia il solito cioccolato o zucchero raffinato nelle più svariate forme?

Facciamo due conti:

  • è Giapponese
  • I Giapponesi, uomini e donne, sono molto attenti alla cura del corpo
  • In Giappone ci sono gli onsen o i sento, spa dove rilassarsi
  • Non a caso gli piace stare ore immerso in acqua bollente tipo bustine del tè
  • Super-lavora, spesso lavora così tanto che quando finisce di lavorare è già ora di tornare al lavoro
  • Gli piace la buona cucina e il buon vino (come dargli torto)
  • Siccome lavora sempre, gli piace passare del quality time insieme

Ed ecco l’illuminazione, quest’anno il San Valentino sarà:
un percorso spa in uno dei grandi alberghi di lusso della città seguito da una cena intima vista grattacieli illuminati. Il pacchetto prevede, suite privata con massaggio viso e corpo, sauna e bagno in acqua termale, aromaterapia e cenetta francese per due. Direi che invece del solito cioccolato, questa sia un’ottima alternativa che vizia tutti e due.

Direi di avere azzeccato tutti i punti. Ok, diciamo che ho dovuto chiedere al mio portafoglio un piccolo sforzo, però direi che se lo sia meritato, anzi ce lo siamo meritato. Buon San Valentino a coppiette e single, perché anche se da soli ci si può sempre fare un bel regalo e dimostrarci che ci vogliamo bene.

ARTICOLI Recenti

più ARTICOLI

scegli la tua regione per conoscere
le offerte a te riservate